“Some serious Trail Builing”

Some Serious Trail Building

Durante l’ultima discesa-pulizia sul Passerino siamo stati costretti a lasciare sul sentiero un enorme castagno, sradicato con radici e tutto, che cadendo aveva provocato il cedimento di parte della parete a monte del sentiero, ostruendolo completamente. Un lavoro a cui dedicare diverse ore con gli attrezzi e le persone giuste.

Alleggerimento dela radice dalla terra

Mettiamo quindi insieme gli attrezzi necessari (motosega, pale, piccone, cinghie, l’immancabile McLeod by IMBA) e chiediamo una mano a Marco, che oltre ad essere del mestiere ha anche frequentato con noi la Trail Building School di IMBA: insomma, la squadra è pronta e carica per “some serious trail building”, come lo ha giustamente definito Matteo.

Si, perchè interventi come questo ti fanno capire che il trail building non è solo tagliare erba e rovi e rimuovere alberelli caduti dopo il temporale. E’ anche, e soprattutto, composto da interventi ben pensati e ben realizzati di mantenimento del sentiero.

Ecco che rimuovere l’albero con tutte le radici, operazione che in tre ci tiene impegnati per almeno due ore, è solo la prima parte del lavoro. Un lavoro che sarebbe incompleto, perfino dannoso, se non fosse seguito da una messa in sicurezza del tratto di sentiero franato. La fortuna è dalla nostra: sul posto ci sono due enormi massi e diverse pietre più piccole, che useremo per creare la base drenante del trail, che fungerà anche da contenimento ad impedire che con il tempo, l’acqua ed il passaggio di molte bici (e eimè anche moto) il sentiero ceda verso valle, restringendosi o peggio interrompendosi.

Lo spostamento del masso grande richiede enormi sforzi: ci sentiamo un po’ degli scimpanzè studiati dagli scienziati mente tutti e tre discutiamo sul migliore rapporto di leva da usare per muovere il maledetto masso di un centimetro alla volta. “Vai di la, spingi, tira, rotola, aspetta, vai ora!” Alla fine riusciamo a posizionarlo appena in tempo per rientrare al calare del buio.

Il lavoro richiede ancora un intervento di rifinitura, ma siamo soddisfatti. Almeno fino alla prossima bufera…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *