Trail dogz

Pablo è con me da marzo 2013. Aveva circa 3 mesi quando è arrivato dalla Puglia. Era stato abbandonato con i suoi fratelli. Ci siamo piaciuti da subito, è un cane sveglio, sempre attento e molto giocherellone. Abbiamo sempre fatto grandi passeggiate insieme, ed è sempre contento di uscire e correre. Ho pensato diverse volte a come poterlo portare insieme a me in mtb ma il fatto di dover passare per strade trafficate mi ha sempre fatto desistere.

In questo periodo ci stiamo dando un gran da fare a pulire i sentieri in zona Quattro venti, così mi è venuto in mente un giro corto e piacevole per provare a far diventare pablo un “trail dog”. Il programma è quello di arrivare in auto fino al ristorante Freghino, parcheggiare li, salire sul Moriglion di penna, scendere dal cosiddetto pennino trail, andare poi verso la Degna e farne il primo pezzo così da poter risalire verso il parcheggio tutto su sentiero.

Il primo giorno che il meteo ci ha dato tregua abbiamo provato, Pablo più contento di me, come se sapesse già tutto.

Arrivati al parcheggio saliamo in fretta e in circa 25 minuti siamo sul Moriglion di Penna, un punto panoramico a dir poco splendido, da qui la vista spazia su appennino, apuane, monte pisano,  piana lucchese, pisa fino alle colline livornesi e in giornate molto limpide si riescono a vedere anche Elba e Corsica. Il tempo di scattare una foto e partiamo con la discesa.

Scendiamo sul Pennino trail che troviamo in condizioni ottime, lo abbiamo infatti pulito io e Dario un paio di settimane prima,  Pablo mi sta dietro come se fosse automatico per lui. Sono pieno di gioia, ci stiamo divertendo come dei pazzi.

Saliamo in fretta verso la Degna, ci buttiamo senza pensare sulla prima parte del sentiero, questa purtroppo molto sporca a causa delle piogge costanti. Vado lungo ad una curva e quel furbetto mi supera come un razzo, ora tocca a me seguire lui e vi assicuro che va davvero forte!

Risaliamo alla macchina, guardo l’orologio, siamo stati in giro per un’oretta, siamo contenti pazzi ed entrambi con la lingua penzoloni. Un giro perfetto per non affaticarlo troppo, anche perchè fosse per lui non si fermerebbe un attimo.

Non mi aspettavo proprio che Pablo capisse subito il giochino del trail riding, ma non c’è stato bisogno di provare o spiegare nulla, è come se fosse una cosa del tutto naturale per lui. Adesso lo porterò spesso e cercherò di studiare altri giretti da fare insieme!

 

Un breve edit

 

Giro Trailforks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *